16.06.2015

Ecco il volto di un quartiere svizzero del futuro

Foto: Losinger Marazzi AG

Le Aree 2000 Watt pianificate in Svizzera lo dimostrano: un consumo di 2000 Watt a persona non è un'utopia, ma può diventare realtà. Un esempio concreto è il progetto Greencity di Zurigo, attualmente in corso di costruzione, che nel 2015 ha ottenuto per la seconda volta il certificato di «Area 2000 Watt in fase di sviluppo». L'Associazione Città dell'energia ha inoltre conferito il label «Città dell'energia» ad altri sette Comuni.

Nel 2007 la fabbrica di carta Sihl nel quartiere zurighese di Wollishofen ha cessato la produzione, rendendo disponibile un'area in posizione strategica, grande quanto 10 campi da calcio. Dal 2015 è poi stata avviata la realizzazione del complesso Greencity, con 740 unità abitative, tre edifici uso ufficio, negozi, ristoranti, un albergo e una scuola. L'ingresso dei primi residenti è previsto per il 2017. Questi dovranno presentare un fabbisogno pro capite di appena 2000 Watt. A titolo di confronto: un cittadino svizzero consuma attualmente circa 5900 Watt, equivalenti alla produzione di un impianto fotovoltaico di 100 m2.

Efficienza, energie rinnovabili e collegamenti rapidi
In che modo raggiungerà Greencity questo ambizioso obiettivo? Gli edifici rispondono a rigorosi criteri per un efficiente sfruttamento dell'energia, ossia allo standard Minergie-P-Eco per gli edifici residenziali e al Leed Platinum per gli stabili uso ufficio. In più, essi soddisfano le norme 2000 Watt in materia di costruzione, esercizio e mobilità. L'obiettivo finale è quello di alimentare l'area esclusivamente con energie rinnovabili: celle solari sui tetti per produrre elettricità pulita, mentre la maggior parte del calore si ricaverà dalle acque sotterranee. Il calore residuo in eccesso sarà accumulato sottoterra. Il quartiere è perfettamente servito da treno e autobus; con la rete della ferrovia celere (S-Bahn) si raggiunge il centro di Zurigo in 6 minuti. I luoghi di svago presso la Sihl, il Lago di Zurigo e sul monte Uetliberg si trovano tutti nelle vicinanze.

A settembre 2012, Greencity è stato il primo complesso edilizio a ottenere il certificato «Area 2000 Watt in fase di sviluppo». Nel mese di giugno 2015, l'Associazione Città dell'energia ha riconfermato la certificazione. Axel Schubert, membro della Commissione del label dell'Associazione, commenta: «Greencity è un modello anche oltre i confini nazionali per la gestione delle energie rinnovabili nella fase di sviluppo dell'area.»

Oltre a Greencity, altri sette grandi complessi hanno ottenuto il titolo di «Area 2000 Watt in fase di sviluppo», l'ultimo nel marzo 2015 (insediamento Sihlbogen di Zurigo). «Aree di questo tipo contribuiscono in misura fondamentale alla Strategia energetica 2050, e rappresentano i quartieri del futuro», dichiara Daniel Büchel, Vicedirettore dell'Ufficio federale dell'energia e Direttore del programma SvizzeraEnergia.

Già 371 Città dell'energia
A giugno 2015, 7 Comuni hanno ricevuto il label «Città dell'energia» per la prima volta. Altri 8 Comuni hanno ottenuto la riconferma della certificazione di Città dell'energia, toccando così il totale di 371 Comuni Città dell'energia in Svizzera. Ad oggi in Ticino i Comuni certificati sono 13.

L'Associazione Città dell'energia è responsabile della certificazione delle Città dell'energia e delle Aree 2000 Watt. A giugno 2015 essa conta 642 Comuni e Regioni. Città dell'energia è parte integrante di «SvizzeraEnergia per i Comuni». Questo programma dell'Ufficio federale dell'energia sostiene i Comuni e le città per promuovere una maggiore efficienza energetica e le energie rinnovabili.

 

Ufficio stampa
Michela Sormani
Comunicazione Città dell'energia
091 224 64 71 opure 076 397 41 02 | media(at)cittadellenergia(dot)ch

Foto (disponibile all'indirizzo media(at)cittadellenergia(dot)ch)

Piazza centrale della futura Area a 2000 Watt Greencity. Chi abita o lavora qui beneficia di collegamenti rapidi, basso consumo energetico e stupende aree di svago nelle vicinanze.

Foto: Losinger Marazzi AG

 

Comunicato stampa «Ecco il volto di un quartiere svizzero del futuro» 16 giugno 2015