23.08.2015

Tre domande a Manuela Bernasconi: «Una politica energetica sistematica grazie a Città dell'energia»

Certificata nel 2007, ricertificata per la seconda volta nel 2015: per Horw, comune di Lucerna, oggi il label Città dell'energia è un risultato scontato. La municipale Manuela Bernasconi, da 11 anni del dicastero del territorio, ha rivestito un ruolo di prim'ordine nell'ottenimento del label. 

Perché si impegna così tanto per i temi energetici?
Il modo in cui utilizziamo l'energia influisce sulla qualità di vita del futuro. Se la Svizzera intende raggiungere gli obiettivi della Strategia energetica 2050, anche i comuni devono consumare meno energia e sfruttare maggiormente le energie rinnovabili. E motivare i propri cittadini a fare lo stesso. Nel programma di politica energetica 2015-2018 di Horw abbiamo definito il motto «Pensare globalmente, agire localmente». E lo prendiamo sul serio: operiamo dove possiamo operare. Questo è il motivo per cui dedico volentieri tutta me stessa a queste attività.

Cosa ha portato al comune di Horw la certificazione come Città dell'energia del 2007?

Già nel 1992 Horw faceva parte dell'Associazione Città dell'energia e allora mise in atto numerosi provvedimenti. Il processo di certificazione ha impresso un'ulteriore spinta in avanti e da allora ci siamo migliorati continuamente. Essere Città dell'energia è oggi per Horw un risultato scontato. Grazie al label Città dell'energia, la nostra politica energetica non è frutto del caso o dell'arbitrarietà, bensì persegue sistematicamente obiettivi chiari, che ricevono ampi consensi. Un altro vantaggio: come Città dell'energia il nostro comune è un modello per la popolazione. Sventoliamo la nostra bandiera nei temi energetici. Informiamo e sensibilizziamo. Infine, il label distingue Horw come comune avanzato, che è consapevole della propria responsabilità nei confronti delle persone e dell'ambiente e che offre un'elevata qualità di vita. Questo ci rende interessanti come luogo di residenza e come sede per le aziende.

Il prossimo anno si ritirerà dal suo ruolo di municipale. Quale dei progetti in corso in campo energetico le sta particolarmente a cuore?
L'uso del calore del lago nella zona di sviluppo Lucerna sud. Quest'area vedrà sorgere nei prossimi anni 4500 appartamenti e 12’000 posti di lavoro e coinvolgerà Horw, Kriens e Lucerna. Finora non abbiamo sfruttato l'enorme potenziale dell'acqua del lago per la produzione di calore. Ora stiamo entrando per così dire in una nuova era. Come mostra la nostra pianificazione energetica, in futuro potremmo approvvigionare grandi aree del territorio comunale con il calore dell'acqua del lago, riducendo così drasticamente il consumo delle energie non rinnovabili. Tutte le figure coinvolte stanno entrando nel territorio inesplorato dello sfruttamento del calore del lago. Pertanto dobbiamo elaborare dei contratti di concessione. Sono entusiasta di questo progetto e intendo ancora contribuire a preparare bene il terreno per il futuro.

Città dell'energia Horw (in tedesco)